Gruppo Virtus Molfetta
Storia
La società nasce nel dicembre 1998, grazie ad un gruppo di appassionati di basket quali Andrea Bellifemine, Pietro Stoia, Leonardo Scardigno e Pinuccio Facchini.

Esordisce nel campionato di Promozione maschile nella stagione 1999-2000, con 21 successi in 22 incontri record per Coach Andrea Bellifemine ritornato a Molfetta insieme a Leonardo Scardigno per dar vita ad una nuova realtà cestistica locale dopo la fusione e la svendita del titolo a Ruvo, ma viene sconfitta nella finale play-off contro l’Olimpia Altamura.

Nella stagione successiva la Virtus affidata a Coach Alessandrini riesce ad essere promossa in serie D, sconfiggendo la Fortitudo Trani in finale. I progetti si fanno via via più ambiziosi, e il torneo di serie D, nell’anno 2001-2002, è subito positivissimo: 3° posto finale e qualificazione ai play-off promozione, dove la Virtus viene eliminata in semifinale dall’Olimpia Brindisi sul campo neutro di Gioia del Colle. La fortuna aiuta gli audaci: in estate, per la riforma dei campionati di B2 e C1 la società molfettese viene ripescata in serie C2 disputa un bel campionato di centro-classifica disputato nello storico ed accogliente Palasport di Via Giovinazzo con un roster che ricordiamo: Gesmundo Giovanni, Ranieri Sandro, Biasi Massimiliano, Pugliese Dionisio, De Gennaro Domenico, Lombardi Veneziano Vincenzo, Lotito Pierluigi, Nero Nicola, Coach Gianni Alessandrini. Dopo un solo campionato di serie C2, siamo nell’agosto 2003 la Virtus Basket Molfetta si fonde con la Nuova Basket Taranto 2000 dando vita alla "Nuova Virtus Molfetta".

Agosto 2003 visti i tempi ristretti il mercato chiudeva a giorni il Presidente Andrea Bellifemine affidava l’incarico a coach Sergio Carolillo suo vecchio pallino, finiva l’era Alessandrini che aveva condotto la Virtus dalla promozione alla C2 e iniziava l’era Carolillo, mercato quasi chiuso la società e il Coach Carolillo visti i tempi così limitati promuove quasi il roster della C2 tranne qualcuno e inserendo Auricchio, Urbano, Colucci, Piroddù, Rosito dopo un ottimo girone d’andata, ottiene una comoda salvezza al primo turno dei play-out contro il Casagiove.

Estate 2004 Virtus, targata ancora Centro Auto Ford, si trova ad affrontare la seconda stagione di C1 ma con nuove ambizioni. Accanto ai confermati Colucci, Rosito, Gesmundo, De Gennaro e Biasi, arrivano Teofilo, Gramajo, Baroncini, Cozzolino, Ostuni, e Iannone. Il coach è ancora Sergio Carolillo, affiancato da Pasquale Facchini e Ilario Azzollini. Obiettivo dichiarato qualificazione ai play-off promozione, in effetti è così si è eliminati dalla Granoro Corato che pur perdendo la finale con l’Ostuni viene comunque ripescata in B2.

Stagione 2005-2006 altro campionato di C1: OBIETTIVO VINCERE. Arrivano alla corte di Patron Bellifemine, Andrea Maggi, Roberto Filianoti, Luca Tommasini, Federico Varisco, Marco Verrigni, Arcangelo Leo oltre ai confermati Teofilo e Gesmundo. Squadra sempre targata Centro Auto Ford e l’8 Giugno 2006 in una torrida serata davanti a circa 2500 spettatori IL SOGNO DIVENTA REALTA’ battendo il G.S Massafra dopo un tempo supplementare in gara 5 della finale Play-Off , Coach Carolillo ed i suoi ragazzi porta Molfetta nella storia: la Nuova Virtus Molfetta è in B2! Caroselli di auto in giro per la città, tifosi per le strade coreografie bianco-blu insomma il sogno diventa realtà.

Estate 2006 dopo i festeggiamenti per la meritata promozione in serie B2, la triade Bellifemine-Scardigno-Carolillo deve allestire un roster di tutto rispetto per ben figurare e salvarsi nel difficile campionato di B2 ricordando che il campionato 2006-2007 era l’anno delle 5 retrocessioni ultimo anno della B2 a 16 squadre con 5 senior e 5 under, insomma esordio difficile nel primo campionato di B2. Del roster vincente di C1 rimasero solo Capitan Teofilo affiancato da Maggi, Leo e l’under Filianoti. Il mercato estivo porta alla Virtus il cecchino Bigi, il gigante Storchi, e gli under Paganucci, Nord, Torresi, Braidot e nel mercato di riparazione dopo l’infortunio al ginocchio di Storchi il pivot Ciavolella. Dopo un inizio arrembante e trionfante che vede la Virtus Molfetta non solo salvarsi subito ma entrare nei play-off promozione per la B1 e dopo aver sconfitto la bestia nera Granoro Corato ai quarti, viene eliminata alle semifinali dalla Mach 20 Potenza squadra che poi approderà in B1 battendo il Ruvo in finale.

Estate 2007 secondo campionato di B2 la Triade Bellifemine-Scardigno-Carolillo affiancata da Luigi Lonardelli allestiscono un roster per fare i play-off da protagonista: arrivano in casa Virtus il funambolico Scorrano, Labate, Parrino, Capitanelli, Ungaro, Grillo confermando il nucleo storico Teofilo, Maggi, Leo più Storchi. Lasciano la Virtus Bigi, Ciavolella, Filianoti, Nord, Braidot e Paganucci. Campionato impeccabile per i Carolillo Boys regular season condotta dall’inizio alla fine in testa chiudendo il campionato con ben 40 punti. I giochi play-off iniziano subito contro il Palermo battuti 2-0. In semifinale il forte Catanzaro da filo da torcere a Carolillo & soci cedendo solo in gara 5 per 3-2. I giochi finali danno i favori del pronostico alla Virtus ma così non è. Ostuni non da scampo agli uomini di Carolillo che le tenta tutte ma ne esce sconfitto per ben 3-0 di cui 2 sconfitte a domicilio. Disfatta o il duo Morena-Avenia troppo forte per Teofilo & soci? Onore ai Vincitori. Ostuni ha vinto con merito o Teofilo & soci hanno dato molto nel tour delle 5 gare di fuoco con il Catanzaro? La Verità s ta sia da una parte che dall’altra. Rifondazione totale o salvare qualcuno o Era Carolillo Finita?

Giugno 2008 tutti critici verso la Società di Via Margherita di Savoia, tutti allenatori... tutti dirigenti... tutti megaesperti di mercato... si aspettavano che la Triade Bellifemine-Scardigno-Carolillo finisse ma ancora più forte di prima Presidente Bellifemine e General Manager Scardigno insieme a Carolillo Coach di tante battaglie e di tanti successi e trionfi decidono di continuare insieme per una rifondazione quasi totale in maglia bianco-blu restano solo Andrea Maggi, Lillo Leo e Flavio Parrino. Lascia purtroppo per sua scelta Capitan Teofilo bandiera insostituibile uomo di mille battaglie, ragazzo straordinario e ci sarebbe tanto altro da dire per approdare nella vicina Ruvo. Arrivano così in casa Virtus Francesco Longobardi, Lorenzo Di Marcantonio, Patrick Nanut, Roberto Simeoli, Milos Stijepovic, Dario Puglia. Luglio caldo diremo anzi bollente perché fra botti di mercato e voci di corridoio Ripescaggio SI, Ripescaggio NO, si vive un periodo di attese e di speranze ma Lunedì 14 Luglio 2008 ore 11 circa (come cita la storia se ricordate la presa della Bastiglia) il settore Agonistico Federale comunica personalmente al Presidente Andrea Bellifemine l’avvenuto ripescaggio in serie A dilettanti insieme al Cagliari. Nel decennale dalla sua fondazione la Virtus Molfetta approda in serie A dilettanti in un campionato difficile, oneroso e pieno di insidie come sempre Carolillo & soci diranno la loro gli avversari sono avvisati...

Estate 2009 dopo la salvezza ottenuta ai play-out contro Matera si pianifica il secondo campionato di B1 ormai ribattezzato Serie A Dilettanti, la triade Bellifemine-Scardigno -Carolillo affiancata dall’insostituibile Ds
Luigi Lonardelli continua a fare la storia del panorama cestistico Nazionale, si vuole pensare in “grande” e si allestisce un roster almeno sulla carta di tutto rispetto... ma la storia dirà altro... puntando decisamente ai play-off dopo le riconferme di Andrea Maggi, Lollo di Marcantonio, Lillo Leo e Andrea Malamov  arrivano alla corte di coach Carolillo Maurizio Cucinelli ex Ferentino , Federico Zambrini e Diego Fessia  ex Ruvo a ottobre per sostituire Lollo Di Marcantonio e il ritorno dello storico capitano di mille battaglie Francesco Teofilo da Catanzaro a dicembre per l’infortunio di Zambrini. Stagione davvero sfortunata, fra infortuni e numerose sconfitte con una classifica sempre più deficitaria ... da puntare ai play-off si trovò nelle sabbie mobili dei play-out... fatale fu la sconfitta in casa con il Sant’Antimo che costò la panchina a coach Sergio Carolillo nel dicembre 2009 e dopo 7 stagioni consecutive indelebili... il coach monopolitano andò via... Tutti bravi a dare colpe... .  ma la piazza era in sommossa... il tifo premeva... la stampa avversa... e in 48 ore la scelta del Presidente Bellifemine e del GM Scardigno caddè su Roberto Russo da Livorno ex Jesolo , purtroppo il coach livornese collezionò anche lui diverse sconfitte vedi la disfatta di Perugia su tutte è un sola vittoria in quel di Agrigento, altri problemi e scelte difficili da affrontare la dirigenza dopo una stagione davvero fallimentare in termini di classifica e risultati rimosse dall’incarico coach Russo ringraziondolo per il lavoro svolto e promosse il molfettese e promettente Ilario Azzollini eterno secondo di coach Carolillo e responsabile tecnico delle giovanili a responsabile tecnico della prima squadra. La scelta si rivelò  davvero azzeccata  Ilario Azzollini  condusse la squadra alla salvezza trovando la chimica giusta e responsabilizzando tutti... capitan Maggi & soci dettero una grande prove di maturità... nella fase finale  ad orologio i colori  bianco blu targati Centro Auto Ford Molfetta  prevalsero su quelli bianco neri del Potenza 84. Terminava così una delle più tormentate stagioni della Virtus Molfetta.

Giugno 2010 dopo la salvezza ottenuta contro Potenza e dopo la stagione difficile terminata da poco ,la crisi economica imperversava... in tutte le dimensioni... situazione davvero difficile per fare sport a certi livelli nazionali diversi club si avviano alla chiusura... e chiusero anche il club adriatico valutò diverse offerte per cedere il titolo sportivo... ma questa notizia non venne mai diffusa ai media locali, vuoi che la città i tifosi e tutti sentivano la Virtus Molfetta come patrimonio cittadino...e mai avrebbero permesso la cessione del titolo sportivo... l’inossidabile  coppia Bellifemine Scardigno dovette fare i salti mortali per pianificare la stagione 2010-2011... i budget a disposizione  erano a dir poco dimezzati Vivere o Morire che fare??? Si decise di continuare a fare basket a Molfetta : l’incarico tecnico fu affidato a coach Antonio Paternoster da Potenza allenatore emergente. Purtroppo si dovette fare a meno di gente del calibro di Malamov, Teofilo, Leo allestendo un roster sempre condotto dall’inossidabile capitan Maggi ma con giocatori emergenti tipo Genovese, Corral, Petrazzuoli,Mastrangelo, Pozzi,Mossi, Maggio, Orlando impreziosito dall’esperienza di Rugolo.Campionato davvero difficile c’era la riforma dei campionati e dovevano retrocedere in parecchi ma la Paternoster band ben recitò in un campionato davvero difficile piazzandosi all’ottavo posto miglior prestazione per i colori Virtus di tutti i tempi. Pur classificandosi all’ottavo posto e con la bella in casa contro Trieste la Virtus uscì sconfitta sia in gara 1 in casa ed in gara 2, il ritorno dalla città giuliana fu davvero drammatico...  tutti i sogni di tanti anni si erano infranti in quel PalaTrieste gremito anche dei tanti tifosi molfettesi giunti fino li con la speranza di ribaltare la serie e giocarsi la bella al Palapoli.

Giugno 2011 già la situazione era davvero deficitaria e molto critica... Il presidente Bellifemine e il Gm Scardigno lasciati completamente soli da tutti... inoltrarono domanda anche retrocedendo dopo la sconfitta ai play-out contro Trieste al Settore Agonistico Federale  per un  possibile e reale  ripescaggio della la Virtus Molfetta in serie A Dilettanti la trattativa di cessione del titolo sportivo non andò a buon fine, che il 30 Giugno 2011 presso lo studio di un noto legale di Salerno rinunciavano con una sofferta e triste lettera alla FIP  anche alla B dilettanti... finiva così dopo 13 anni... la bella favola della Virtus Molfetta... UN GIOCO DIVENNE REALTA!!!!!  Giorni nostri il GRUPPO VIRTUS con tutte le società  disputa diversi campionati regionali FIP di categoria senior e giovanili e promozionali con enti tipo Libertas e CSAIN.

Settembre 2015 dopo anni trascorsi nell'inferno della Prima Divisione fra campionati e stagioni agonistiche vissute, inizia il nuovo corso Virtus, nuovo progetto nuove ambizioni finalmente il gruppo Virtus è ripescato in un campionato che conta la Promozione Regionale e dopo 15 anni si riparte da dove eravamo partiti.... a volte ritornano, era dalla stagione 1999-2000 che il sodalizio bianco-azzurro con Andrea Bellifemine coach  con 21 vittorie su 22, andando a perdere solo la drammatica finale con l'Altamura ancora avversari in questa stagione 2015-2016 .Iniziava la favola della Virtus Molfetta poi conosciuta in tutto lo stivale... e la storia del basket a Molfetta..... Virtus atto secondo!

Giugno 2017 estate bollente in tutti i sensi: fusione si... fusione no... i presupposti e le condizioni per unirsi con la Pallacanestro Molfetta non ci sono proprio... del gruppo Virtus rimangono solo il presidente Andrea Bellifemine e il general manager Cosmo Spaccavento, gli altri cambiano casacca dai colori bianco-azzurri passano ai colori biancorossi. Dopo la vittoria del campionato di promozione stagione 2015-16 e dopo la permanenza in serie D stagione 2016-17 bisogna ripartire e cercare di fare bene, ritornare in categorie più consone al gruppo Virtus, la sfida è appena iniziata stagione 2017-18 tutta da vivere!!!!

Maggio 2018 dopo la vittoria del campionato di serie D 2017-18, dopo  un esaltante cavalcata la banda de bellis  porta i colori biancoazzuri nella storia del basket regionale  vincendo "regular season e play off" praticamente vincendo tutto ..... lasciando "il podio" ai colori biancorossi .Ora il gruppo Virtus non può più sbagliare....la dimensione è di una società sempre in crescita....e sempre  verso categorie piu consone al blasone ed alla storia del basket a Molfetta ...dopo la bocciatura per la riforma dei campionati e la mancata partecipazione al campionato di serie C Gold  si riparte con lo spirito  giusto per cercare di centrare l obiettivo promozione. La dirigenza farà il massimo per far divertire tutti i nostri tifosi storici e acquisiti...., la sfida è appena iniziata stagione 2018-19 tutta da vivere!!!!
LAST MATCH
Logo MOLFETTA MOLFETTA66
Logo MOLFETTA MOLFETTA71


CLASSIFICA POULE

CLASSIFICA REGULAR SEASON
Logo DAI OPTICAL MOLFETTA DAI OPTICAL MOLFETTA
36
Logo PAVIMARO MOLFETTA PAVIMARO MOLFETTA
36
Logo ANGEL MANFREDONIA ANGEL MANFREDONIA
36
Logo ANSPI S.RITA TA ANSPI S.RITA TA
36
Logo NUOVA CEST. BARLETTA NUOVA CEST. BARLETTA
28
Logo AP MONOPOLI AP MONOPOLI
20
Logo DINAMO BASKET BRINDISI DINAMO BASKET BRINDISI
20
Logo ADRIA PALL. BARI ADRIA PALL. BARI
20
Logo INVICTA BRINDISI INVICTA BRINDISI
18
Logo DIAMOND FOGGIA DIAMOND FOGGIA
8
Logo CUS BARI CUS BARI
6
Logo MURGIA SANTERAMO MURGIA SANTERAMO
0



Partner
MAIN SPONSOR
GOLD SPONSOR
SILVER SPONSOR
Starsys
OFFICIAL PARTNER
Sport & Marketing
Media Lab